NEWS

Dolori muscolari da Smart working?

La soluzione: Il movimento è la parola chiave.

Il Rimedio più efficace alla PANDEMIC POSTURE è quello di alzarsi dalla scrivania ogni due ore così da poter allungare per bene la muscolatura e di conseguenza trarre beneficio articolatorio.
Cosa fare?
Facendo una semplice camminata per casa.
Alcuni piccoli accorgimenti da cui non possiamo scappare ed ottenere così una postura corretta in Smart working sono:

– Tenere una posizione corretta sulla sedia.

– La colonna è dritta, le spalle sono rilassate, i gomiti sono inclinati di circa 90° e allineati con i polsi, gli avambracci sono appoggiati alla scrivania.

– I piedi sono appoggiati a terra, le ginocchia sono flesse a 90° e all’incirca all’altezza del bacino, per fare questo potrebbe essere utile mettere un rialzo sotto ai piedi.

– L’altezza del pc dev’essere allineata di fronte al nostro sguardo.

Il tocco finale ed efficace è quello di avere una pedana per le articolazioni in modo tale da riuscire a scaricare completamente il carico della lombare, ginocchia e caviglie.
Oppure mettendo un cuscino dietro la zona lombare da far aderire per bene la curva allo schienale. Aiuterà a ridurre inoltre il così tanto odiato gonfiore agli arti inferiori.
Potrete aggiungere anche scopo di relax un ulteriore scarico a gambe sollevate.

Portrait of an attractive woman at the table backache pose

Ecco alcuni semplici e pratici esercizi di allungamenti per posture da Smart Working:

1) Flessione ed estensione del polso, aiutati con le mani 30” secondi di tenuta.

2) Spinte del collo in posizione supina, il mento deve andare in direzione del petto tenendo 30” la posizione.

3) Allungamento dei muscoli scapolari, pettorali e dorsali. In piedi davanti ad una superficie piana, ad esempio il tavolo, ottimo come altezza, posiziono le mani sopra e le braccia sono distese, dopo di che fletto la colonna in avanti formando un angolo di 90 gradi. 30” secondi di tenuta.

4) Flessioni delle dita, il polso in linea con l’avambraccio.
Chiudo le dita, dal quinto dito (mignolo) al primo (pollice).
Una volta formato il pugno spingo verso il basso.
5 secondi di tenuta e ripeto per 10 volte.
Una volta eseguito ripeto lo stesso esercizio con l’altra mano.

5) Posizione del gatto per stimolare la flessibilità della spina dorsale.
Appoggia le mani e le ginocchia al pavimento.
Allinea le mani alle spalle e le ginocchia ai fianchi.
Allarga le dita delle mani.
Il dito medio dovrà essere rivolto in avanti.
Rivolgi lo sguardo al suolo.
Espirando, tendi i muscoli addominali e spingili all’indietro, avvicinandoli alla spina dorsale. Rivolgi il coccige verso il basso, contrai leggermente i glutei: in questo modo libererai le spalle dalle tensioni.
Arcua la schiena rivolgendola al soffitto.
Abbassa la testa rivolgendola verso il bacino.

6) Core stability su fitball, è un esercizio di stabilità del core che permette ai muscoli profondi della colonna e dell’addome di stabilizzarsi, rendendoli così forti e resistenti.

Gli esercizi si possono eseguire dalle 3 alle 5 volte al giorno e vi chiederanno solo 10 minuti del vostro tempo.
10 minuti per il vostro benessere e salute saranno un tocca sana e sarà sempre tempo ben speso.

Articolo redatto da
Chiara Petrone
Massoterapeuta e Personal Trainer
Osteolab Lissone

I NOSTRI SERVIZI